ReI (Reddito di Inclusione): protocollo di intesa tra ANC e CAF

fonte: CAF UIL nazionale


Lo scorso 5 marzo (2018) è stato sottoscritto il Protocollo d’Intesa tra l’Associazione Nazionale dei Comuni d’Italia e la Consulta Nazionale dei CAF volto a semplificare la gestione delle richieste legate alla misura ReI – Reddito d’Inclusione, introdotte con il D.Lgs. 15 settembre 2017, n. 147.

L’accordo ha visto, fra l’altro, la definizione di uno schema di convenzione per disciplinare il rapporto di collaborazione tra il Comune e il CAF che potrà raccogliere, per conto dell’Ente locale, le richieste dei cittadini per l’ottenimento della misura di contrasto alla povertà ReI.

In questo modo, anche per tale nuova misura si consolida la proficua collaborazione Comuni-CAF, sviluppatasi, ormai da anni, per i servizi Assegno di maternità e Assegno per il nucleo familiare con almeno tre figli minori concessi dai Comuni, Bonus energia elettrico e gas e SIA – Sostegno per l’Inclusione Attiva.

Il CAF UIL si è sempre attivato nel fornire assistenza ai cittadini per l’accesso a prestazioni sociali e, a tal fine, ha instaurato numerose collaborazioni con le Istituzioni locali.

Commenti chiusi