MODELLO REDDITI PERSONE FISICHE AL CAF UIL

È possibile, fino al 29 gennaio 2019, inviare telematicamente il modello Redditi P.F. 2018 redditi 2017.
Prendi un appuntamento entro il 25 gennaio nella sede CAF più vicina a te!
L’invio tardivo (la normale scadenza è stabilita al 31 ottobre) è consentito previo pagamento della sanzione amministrativa di 25 euro.
L’invio della dichiarazione dei redditi consente di pagare quanto dovuto con sanzioni agevolate in caso di conguaglio a debito, mentre se si sono sostenute spese detraibili/deducibili nell’anno dei redditi che si stanno dichiarando, è possibile quantificare e chiedere il rimborso spettante.

Chi presenta il modello REDDITI Persone Fisiche

Sono obbligati a utilizzare il modello REDDITI Persone Fisiche i contribuenti che:

  • nell’anno precedente (cioè, quello oggetto di dichiarazione) hanno posseduto redditi d’impresa, anche in forma di partecipazione, redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita Iva, redditi “diversi” non compresi fra quelli dichiarabili con il modello 730, plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni qualificate o derivanti dalla cessione di partecipazioni non qualificate in società residenti in Paesi o territori a fiscalità privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati, redditi provenienti da “trust”, in qualità di beneficiario
  • nell’anno precedente e/o in quello di presentazione della dichiarazione non risultano residenti in Italia
  • devono presentare anche una delle dichiarazioni: Iva, Irap, Modello 770
  • devono presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti

Inoltre, anche i contribuenti che utilizzano il modello 730 potrebbero avere la necessità di presentare alcuni quadri del modello Redditi PF (come il quadro RW – Investimenti all’estero e/o attività estere di natura finanziaria – monitoraggio – Ivie/Ivafe).

Chiedi al CAF UIL che tipo di assistenza possiamo offrirti!

Le scadenze

L’invio telematico del modello Redditi 2018 redditi 2017 scade il 31 ottobre 2018.
I termini sono posticipati di 6 mesi per i contribuenti deceduti a partire dal 1° luglio 2018, per loro quindi la scadenza per l’invio telematico è il 30 aprile 2019.

Se si è presentata una dichiarazione dei redditi in passato, si può integrare e/o correggere la stessa attraverso un modello integrativo purché non siano scaduti i termini di conservazione e controllo.

Chiedi al CAF UIL l’invio del modello telematico, e non aspettare l’ultimo momento.
Puoi prenotare il tuo appuntamento fin da ora al numero 06.4783921!

REDDITI PF integrativo

Con questo modello è possibile correggere gli errori commessi in passato nelle dichiarazioni inviate tramite 730 o Unico PF. In questo modo si può quantificare e chiedere a credito un importo non percepito o pagare con sanzione ridotta quanto dovuto in caso di conguaglio a debito.

Chiedi all’operatore CAF UIL la compilazione del modello integrativo!

F24

L’F24 è il modello con il quale si pagano le imposte. Con lo stesso modello è possibile utilizzare eventuali crediti a disposizione.

Nelle sedi CAF UIL è possibile richiedere l’elaborazione e la stampa del modello F24 con ravvedimento (nel caso sia trascorsa la data del versamento) ed è sempre possibile chiedere il pagamento on-line dei modelli F24 (modalità obbligatoria quando si compensano i versamenti).

La trasmissione on-line del mod. F24 consente di pagare alla data prescelta senza fare fila presso gli uffici di Poste e Banca, semplicemente autorizzando il prelievo di quanto dovuto dal proprio conto corrente, comunicandone l’Iban.

Al CAF UIL puoi anche richiedere il pagamento on-line dei modelli F24 (modalità obbligatoria quando si compensano i versamenti).

Quali documenti portare al CAF

check-listscarica la CHECK-LIST dei documenti da portare al CAF UIL!

Commenti chiusi