ISEE AL CAF UIL

check-list<scarica la check list dei documenti da portare>

Vieni a rinnovare il tuo modello ISEE per il 2019, ti aspettiamo al CAF UIL!
Le nuove agevolazioni fiscali per il nuovo anno sono moltissime, e il servizio è gratuito!

Le novità dell’ISEE 2019

I valori ISEE attestati dall’Inps saranno validi fino al 31 agosto 2019, come stabilito dal D.L. 91/2018.

NOVITÀ: Reddito/Pensione di cittadinanza

Il Reddito di Cittadinanza è una misura di reinserimento nel mondo del lavoro che serve ad integrare i redditi familiari. Per i nuclei familiari composti esclusivamente da uno o più componenti di età non inferiore a 67 anni si parla di Pensione di cittadinanza.

Destinatari:

  • cittadini italiani, europei o lungo soggiornanti e risiedere in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 in via continuativa.

Requisiti economici/patrimoniali:

  • ISEE inferiore a 9.360 euro annui;
  • Patrimonio immobiliare, diverso dalla prima casa di abitazione, fino ai 30.000 euro annui;
  • Patrimonio finanziario non superiore a 6.000 euro che può arrivare fino a 20.000 per le famiglie con persone disabili;
  • Reddito familiare inferiore ad una soglia di euro 6.000 annui moltiplicata per il corrispondente parametro determinato in base alla numerosità dei componenti il nucleo familiare; per la pensione di cittadinanza la soglia è incrementata a euro 7.560; comunque la soglia non può superare euro 9.360;
  • Nessun componente deve essere intestatario di autoveicoli immatricolati per la prima volta nei sei mesi antecedenti la richiesta ovvero di autoveicoli di cilindrata superiore a 1.600 cc. o motoveicoli di cilindrata superiore a 250cc.; sono esclusi quelli per i quali è prevista l’agevolazione fiscale per le persone con disabilità;
  • Nessun componente deve essere intestatario di navi o imbarcazioni da diporto.

Durata:
Il reddito di cittadinanza dura 18 mesi.

Come richiedere il beneficio:
La domanda può essere presentata tramite il CAF.

Erogazione del beneficio:
Dopo la verifica dei requisiti economici e patrimoniali, viene erogato il beneficio attraverso una carta prepagata di Poste Italiane (non sarà possibile utilizzarla per il gioco d’azzardo). Il Comune è tenuto alla verifica dei requisiti di cittadinanza e residenza.

Sono esclusi i soggetti che:

  • non sottoscrivono il Patto per il Lavoro o per l’Inclusione sociale;ù
  • non partecipano alle iniziative formative e non presenta una giustificazione;
  • non aderiscono ai progetti utili per la comunità predisposti dai Comuni;
  • rifiutano la terza offerta congrua;
  • non aggiornano le variazioni del proprio nucleo familiare;
  • forniscono dati falsi (In questo caso, si rischiano da 2 a 6 anni di carcere).

Incentivi alle imprese:
Le imprese che assumono chi riceve il RdC potranno ottenere un incentivo pari alla differenza tra 18 mensilità e il numero di mensilità già ricevute dal beneficiario.

A cosa serve il modello ISEE

Il valore ISEE serve per la richiesta di prestazioni sociali agevolate, ovvero di tutte le prestazioni o servizi sociali o assistenziali la cui erogazione dipende dalla situazione economica del richiedente. Viene richiesto da vari Enti per applicare ai cittadini costi diversi per i servizi erogati.

I servizi per i quali si deve presentare il modello ISEE al Comune di residenza o allo specifico Ente sono ad esempio:

Attraverso l’ISEE si può accedere alle seguenti agevolazioni:

  • le famiglie con 3 figli minori possono chiedere il bonus terzo figlio
  • le neo mamme casalinghe o disoccupate possono chiedere l’assegno di maternità
  • si può accedere al bonus bebè
  • bonus ReI (Reddito di Inclusione) a partire da marzo 2019 le domande da presentare verranno definite come richiesta di Reddito di Cittadinanza
  • bonus libri
  • buono mense scolastiche (il costo del versamento viene regolato su fasce di valore ISEE)
  • agevolazioni sull’importo delle tasse universitarie (negli Atenei statali il costo viene regolato su fasce di valore ISEE)
  • sconti abbonamenti ai mezzi di trasporto (nel Lazio ci sono sconti per ISEE inferiori a € 25.000 o € 15.000)
  • sconto abbonamento Telecom
  • bonus gas e luce
  • bonus acqua
  • esenzione Tari
  • contributo in RSA (il costo della degenza viene valutato anche sulla base del valore ISEE)

Richiedono la presentazione del modello ISEE anche la rateizzazione di cartelli di pagamento, i contributi vacanze studio, i contributi per le badanti, ecc.

Come si calcola il valore ISEE

L’indicatore ISEE è un valore che verrà calcolato dall’Inps integrando una parte d’informazioni reddituali/patrimoniali del nucleo familiare, rilasciate dal dichiarante attraverso la sottoscrizione della Dichiarazione Sostitutiva Unica, l’indicazione del reddito complessivo dichiarato attraverso i modelli 730 e Unico P.F., le informazioni che comunicherà l’Agenzia dell’Entrate e i redditi esenti Irpef, erogati direttamente dall’Istituto.

Il valore ISEE sarà calcolato come rapporto tra l’ISE (indicatore della situazione economica) e la scala di equivalenza riferita allo specifico nucleo familiare dichiarato.
Il valore ISE rimane come valore dato dalla somma dei redditi e da una quota (il 20%) dei patrimoni mobiliari ed immobiliari di tutti i componenti il nucleo familiare.

Il nuovo ISEE

Attraverso il D.P.C.M. n. 159 del 5 dicembre 2013, è stata introdotta, a far data dal 1° gennaio 2015, una nuova disciplina in materia di ISEE. I modelli precedentemente elaborati non potranno più essere utilizzati per la richiesta di benefici/agevolazioni a partire da tale data.

La nuova Attestazione Isee oltre a riportare “la fonte” delle informazioni ed i calcoli effettuati, sarà composta da più indicatori: un valore Isee standard o ordinario e specifici indicatori se sono state richieste specifiche prestazioni come ad esempio l’Isee Università, l’Isee Socio-Sanitario, l’Isee per prestazioni per figli minori nel caso di nuclei in cui i genitori non sono né sposati né conviventi, ecc.

Si potrà come sempre fare richiesta del nuovo ISEE attraverso il Caf con la sottoscrizione della DSU, che ricordiamo è un modello autocertificato. Il dichiarante si assume la responsabilità anche penale di quanto dichiarato.

Il Caf invierà all’Inps tale richiesta e, se il dichiarante l’autorizza, ritirerà dallo stesso dopo 10 giorni lavorativi l’attestazione ISEE: allora il dichiarante potrà tornare al Caf per ritirare il valore elaborato.

Commenti chiusi